Categorie
Articoli Farmacologia

James Lind – Il padre dei Trials Clinici

James Lind (1716-1994), chirurgo scozzese dell’Armata Britannica, viene considerato il padre dei trials clinici grazie a un’intuizione messa in pratica durante i suoi viaggi transoceanici.  

Mentre lavorava come medico navale, Lind incontrò molti casi di scorbuto, una malattia che spesso colpiva i marinai durante lunghi viaggi, causata da carenza di vitamina C; tale patologia si manifesta con la comparsa di emorragie, gengiviti, caduta di capelli e di denti. Ovviamente ai tempi non si associava lo scorbuto a tale carenza perché la molecola fu isolata e cristallizzata solo negli anni 20 del secolo scorso.

Già medici prima di Lind avevano suggerito che la frutta fresca potesse essere usata per trattare lo scorbuto, ma lui fu il primo a testarne gli effetti attraverso una metodologia ben precisa, la stessa alla base delle attuali sperimentazioni.

Nel 1754, durante uno dei suoi viaggi, suddivise 12 marinai colpiti da scorbuto in sei coppie e iniziò a somministrar loro differenti cibi per una settimana e ne registrò gli effetti.

Lind prescrisse una cura comune a tutti gli individui e in aggiunta un alimento integrato nella dieta differente per ciascuna coppia: a due marinai diede del sidro, ad altri due acqua di mare con misture di aglio, sedano e rafano; a un’altra coppia di pazienti fece bere elisir di vetriolo e prescrisse un gargarismo acido, altri ricevettero cucchiai di aceto e un’ultima coppia due arance e un limone.

Dopo una settimana notò che i due marinai che avevano assunto succo di limone e arance si era ripresi completamente e potettero tornare alle loro mansioni; dopo le arance osservò che il sidro aveva avuto gli effetti migliori e in ogni caso chi lo aveva assunto aveva avuto effetti migliori rispetto agli altri rimedi.

Dopo aver verificato l’effettiva efficacia degli agrumi, Lind concentrò i suoi studi sulla loro conservazione e dichiarò definitivamente la supremazia degli agrumi nell’elenco di possibili rimedi al disturbo, pubblicando un lavoro intitolato “Treatise on the Scurvy “(Trattato sullo scorbuto).

Ciononostante, nella marina britannica non vennero presi provvedimenti per i successivi 40 anni, infatti fu solo nel 1789 che vennero riconosciuti questi benefici e  si decise che le navi dovevano avere nelle loro stive lime e limoni. Come conseguenza di ciò ai marinai inglesi venne attribuito il soprannome di “Lymeis”. Dopo l’introduzione del succo di limone nella marina, il suo utilizzo fu esteso anche alla flotta mercantile. Lind ha anche sviluppato altre raccomandazioni per migliorare la salute dei marinai.

Successivamente prove realizzate seguendo la metodologia di Lind portarono allo sviluppo della vaccinazione come mezzo per prevenire malattie specifiche, a partire dal vaiolo alla fine del 1700.

Il vero merito di Lind fu quello di aver inventato un metodo di verifica efficace per la valutazione clinica delle cure basato sulla somministrazione di diversi rimedi a diversi gruppi di pazienti osservandone poi gli effetti nel tempo. Questo modo di procedere è ancora oggi la base della realizzazione dei trials sui nuovi farmaci ed è per questo motivo che il dott. Lind viene considerato il “padre degli studi clinici”.

2 risposte su “James Lind – Il padre dei Trials Clinici”

Come sempre, molto interessante e istruttivo… consiglierei anche un considerevole utilizzo di agrumi del nostro caro sud Italia…. quindi guardate sempre la provenienza !!!!

Casulamente agrumi della tua Calabria?? Direi di sì visto che sono i secondi produttori in Italia dopo la Sicilia…
a tal proposito ti consiglio di leggere l’articolo sugli agrumi che ho pubblicato per l’Associazione Italiana GIST con cui collaboro.
https://www.gistonline.it/gli-agrumi/
Mi piace ogni tanto raccontare un pò di storia della medicina…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.