Categorie
Articoli Il ciclo di primavera : le erbe aromatiche

3 domande sull’Erba Cipollina

Personalmente l’erba cipollina mi ha risolto numerosi piatti in cucina perché il suo aroma particolare, che ricorda quello del porro ma più digeribile, dona quel pizzico di personalità in più alle preparazioni che porto in tavola.

Considerata magica dai popoli celtici l’erba cipollina è versatile, gradevole alla vista e facile da coltivare.

Come si coltiva?

Semplicemente in un vaso; si presenta filiforme e in tarda primavera produce dei grossi fiori rotondi lilla viola commestibili, decorativi e scenografici nei nostri piatti.

La piantina ha bisogno di luce, di caldo e di acqua, ricordiamoci quindi di innaffiarla regolarmente; è perenne ma le in autunno muoiono per poi rinascere in primavera più verdi che mai.

Come si usa?

La droga, ossia la parte della pianta che può essere utilizzata, è costituita dalle foglie che possono essere coltivate e usate direttamente; tende ad appassire velocemente e in frigorifero si conserva solo per qualche giorno.

Inutile essiccarla perché perde gran parte del suo aroma, così come aggiungerla prima della cottura: conviene utilizzarla a fine cottura per decorare i piatti e godere meglio del suo profumo intenso.

Si sposa benissimo sulle bruschette, nelle insalate, sul pesce, sulla carne ai ferri, nei sughi di verdura, l’ importante, ripeto, è non cuocerla.

Bruschetta con crema di ceci e barbabietola, pistacchi, erba cipollina e basilico

Quali proprietà ha?

Molto ricca di acido folico, presenta proprietà digestive, diuretiche e depurative attenzione… è anche afrodisiaca!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.